Agriturismi in Italia: un tuffo nella natura e nella buona cucina

In un paese come l’Italia, dove il contatto con la natura è sempre accompagnato dalla riscoperta di sapori e tradizioni autentiche, l’agriturismo rappresenta un modo di viaggiare completo, emozionante e ricco di stimoli. A differenza degli hotel, delle pensioni, degli ostelli o dei bed and breakfast, le strutture che ospitano i turisti con un approccio di questo tipo devono dimostrare di essere attive in qualità di aziende agricole. Questa peculiarità, che in Italia andrebbe rispettata a norma di legge secondo l’art. 2135 del Codice Civile, ha dei risvolti pratici molto interessanti. Il primo è quello di dare a tutti l’opportunità di avvicinarsi al territorio come non sarebbe possibile fare altrimenti. L’agriturismo, in quanto azienda agricola, è infatti circondato spesso e volentieri da campi coltivati, pascoli o allevamenti. Di solito si lavorano prodotti del posto, a volte tipici di una certa zona, non di rado con tecniche sostenibili come la permacultura o la lotta integrata.

Gli animali che si incontrano in un agriturismo sono quelli classici del paesaggio italiano: cavalli, asini, maiali, vacche, tori, capre, pecore. Tra i volatili troviamo le anatre, le oche, le faraone, le galline… e magari gli struzzi! Per quanto riguarda le specie vegetali, vitigni e uliveti sono protagonisti indiscussi. Piccoli appezzamenti vengono dedicati a orti e frutteti, il tutto con il duplice intento di rifornire di prodotti freschi e genuini il ristorante annesso e di vendere al turista di passaggio parte del raccolto sotto forma di crostate, marmellate, frutta sotto spirito e altre leccornie. Da questo punto di vista le differenze tra agriturismi e alberghi diventano abissali: l’agriturismo è simile a un vero e proprio villaggio, dove l’ospite si inserisce non soltanto per dormire ma anche per imparare.

…E darsi da fare! Già, perché alcuni agriturismi, proprio in virtù della mole di lavoro che devono affrontare ogni giorno, invitano le persone a contribuire attivamente alla vita quotidiana dell’azienda. Esistono addirittura circuiti nazionali e internazionali nati per mettere in contatto persone da tutto il mondo, con le stesse idee e la stessa passione verso l’ambiente e la natura. Il network più famoso è Wwoof, anche se qui lo scambio ospitalità/lavoro viene offerto da fattorie e non per forza da agriturismi. Le realtà che si organizzano anche in modo indipendente sono comunque molte, bisogno solo armarsi di pazienza e cercarle! Da ultimo non va dimenticato l’aspetto ludico proposto da alcuni agriturismi: coltivare e nutrire gli animali si trasformano in questo caso in giochi sani per il corpo e per la mente dei bambini, e con loro degli adulti.