Destination wedding: anatomia di un fenomeno tutto italiano.

Parlare della ricchezza di paesaggi mozzafiato, di città d’arte e di meraviglie che profumano di storia è una banalità pensando all’Italia. Riflettere invece su un fenomeno che da tutto ciò è scaturito come quello del destination wedding è un po’ meno scontato, soprattutto per chi non ne conosce le caratteristiche.

Per destination wedding si intende quella particolare tendenza esplosa negli ultimi anni che vede un numero via via crescente di persone straniere che scelgono l’Italia come scenario per il loro giorno più bello e memorabile.

Ma quali sono le caratteristiche di queste sempre più frequenti “migrazioni nuziali”?
Prima di tutto c’è da dire che gli stranieri che decidono di sposarsi nel bel paese non badano a spese. Basti pensare che il 46% dei matrimoni americani sono inseribili nel segmento luxury. Un trend che come potrete immaginare muove un indotto vastissimo fatto di location da sogno, wedding planner, fotografi di matrimonio e tutta una miriade di fornitori di alto livello sempre selezionatissimi.

In seconda battuta c’è da dire che non sono matrimoni molto affollati. Al seguito degli sposi infatti troviamo un massimo di 40 persone. La motivazione di così pochi invitati ovviamente deriva dalle difficoltà logistiche derivanti dalla necessità di muovere ed alloggiare un gran numero di persone.

Quanto alla provenienza degli sposi, sul podio abbiamo rispettivamente inglesi, russi ed americani.

Quanto alle location esse si dividono fondamentalmente in tre filoni.
Nel primo gruppo troviamo le città dell’amore: Venezia, Verona, Roma e Firenze. Nel secondo gruppo troviamo le grandi bellezze naturalistiche: il lago di Como e di Garda e la costiera amalfitana. Infine l’ultimo filone che sta emergendo è quello che lega matrimoni e vino e quindi via libera a Toscana, Abruzzo, alle zone del Barolo e delle Langhe.

Per quelli invece che non possono permettersi un matrimonio con tutto ciò di cui abbiamo parlato qui sopra, si può comunque optare per l’Italia per la cosiddetta “proposal” ovvero la proposta di matrimonio, o per il più classico e collaudato viaggio di nozze.

By LauraMusig

Siti web ad Udine. Consulente SEO. Webmaster di Donna e Dintorni blog per donne 2.0